Almahdi-m.net

Almahdi-m.net

Scariche di diarrea cosa prendere

Posted on Author Vozuru Posted in Rete

Nei casi lievi. Rimedi per la Diarrea: cosa fare e cosa non fare, cosa mangiare, che farmaci Se le scariche sono più numerose di 3 al giorno viene definita dissenteria. Questo disturbo provoca spesso più scariche diarroiche nell'arco della La diarrea cronica è invece caratteristica di molte patologie gastroenteriche che. diarrea, caratterizzata da un numero variabile di scariche prive di muco, pus, o sangue. Se i sintomi non tendono a migliorare e il disturbo si protrae per più giorni.

Nome: scariche di diarrea cosa prendere
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: Android. iOS. MacOS. Windows XP/7/10.
Licenza: Solo per uso personale
Dimensione del file: 58.54 MB

Si tratta quasi sempre di una manifestazione acuta: un problema improvviso e temporaneo che, come repentinamente si presenta, velocemente si risolve. Solitamente dura da qualche ora in genere 12 fino a qualche giorno, con diversi gradi di intensità e frequenza. Raramente il disturbo persiste per un periodo superiore a due settimane in questi casi si parla di dissenteria cronica.

Cause La dissenteria non è quasi mai una malattia, ma un sintomo di un altro problema. In alcune situazioni, il problema è legato a tensione emotiva e nervosismo oppure dipende da forme parainfluenzali. Questo disturbo solitamente dura giorni al massimo. Talvolta compaiono anche febbre e vomito, mentre sono più rare le perdite di sangue nelle feci.

Le intolleranze, come ad esempio quella al lattosio o a dolcificanti artificiali, possono manifestarsi con sintomi di tipo organico, come la diarrea.

I rimedi alla diarrea Il trattamento di base della diarrea si propone due obiettivi: prevenire o trattare la disidratazione, causata dalla perdita di liquidi e sali minerali con le feci, ripristinare la flora intestinale alterata Idratazione, fermenti lattici e dieta formano il primo approccio alla diarrea.

In molti casi, non è necessario assumere antibiotici per trattare la diarrea.

Non bisogna ricorrere a tali farmaci in caso di febbre elevata, o in presenza di sangue nelle feci. Nella diarrea cronica, qualora non sia disponibile un trattamento specifico, questi farmaci possono aiutare a rallentare il tempo di transito e a favorire i processi di assorbimento intestinale. I fermenti lattici sono in grado di ridurre il rischio che si verifichi una diarrea durante il trattamento antibiotico.

Per ovviare a questo problema si possono assumere integratori multivitaminici e multiminerali. Gli alimenti da portare in tavola, quelli da evitare Per fortuna i cibi che si possono mangiare senza particolari problemi sono molti, tanto da permettere una dieta anche varia e gustosa.

Ecco quali sono: pane bianco tostato, pane bianco senza mollica, fette biscottate pasta da farina bianca 00, riso, semolino carne magra manzo, pollame, vitello pesce lesso o ai ferri formaggi freschi, non fermentati crescenza, mozzarella, robiola uova in camicia o sode bresaola, prosciutto sgrassato cotto o crudo carote, lattuga, patate, spinaci meglio verdure cotte albicocche, ananas , banana, limone, mele, pesche, pompelmo.

Per quanto riguarda i condimenti, è meglio utilizzare olio di oliva extravergine aggiunto a crudo e con moderazione.

Sono, invece, sconsigliati, in generale tutti gli alimenti ricchi di fibre di origine vegetale grezze e di scorie, in quanto accelerano il transito e lo svuotamento intestinale.

Dunque è bene evitare: pane integrale, mollica di pane bianco alimenti a base di farine integrali ortaggi e verdure crudi: broccoli, carciofi , cavoli, ceci, cime di rapa, cipolla, fagioli, fave, lenticchie, piselli, ravanelli, sedano.


Articoli simili: